Sticky

una poesia di Marco Cavallero, illustrata da Domenico Laghezza Caro lettore, ho chiesto a Marco Cavallero una poesia sul Natale, sull’atmosfera di questo Natale per la precisione. Il secondo Natale pandemico. Non so tu come la pensi, ma io non vedo le cose migliorare, anzi… Le persone sono deluse, impaurite, impoverite soprattutto spiritualmente. La speranza, anche questa a ondate, viene alimentata da una certa propaganda sanitaria, virologica, statale, commerciale, di intrattenimento. Ma cosa sta succedendo veramente? Sai rispondermi? Secondo me bisogna fare un passo indietro, osservare cosa si prova in questo momento, cosa si porta agli altri, cosa si desidera con il cuore, con l’amore.Read More →

FILOSOFIA Poesia di Pietro Pancamo Illustrazione di Domenico Laghezza Parole e frasi sono gli intercalari del silenzio che smette, ogni tanto, di pronunciare il vuoto. Allora qualche indizio di materia deforma l’aria, descrivendo le pause del nulla prima che il silenzio si richiuda. (Le mani s’infrangono contro un gesto incompiuto) Pietro Pancamo (1972) è autore della raccolta poetica «Manto di vita» (LietoColle).È stato incluso nell’antologia  «Poetando» (Aliberti), curata da Maurizio Costanzo; il blog «Poesia» della Rai gli ha pubblicato una breve silloge di liriche e la radio nazionale della Svizzera italiana gli ha dedicato una puntata del programma «Poemondo».Fra il 2020 e il 2021 haRead More →

Scritto da Brusa Graziella Fotografia di Brusa Graziella MEDITERRANEO   Mediterraneo, già il nome è bello, suona pieno, vivo e porta il nostro immaginario nel blu del mare, su di una spiaggia isolata, ascoltando il suono delle cicale. La spiaggia di sabbia è contornata da scogli plasmati dal vento, dalle onde, dalle tempeste. Acqua cristallina protegge il mondo al di sotto. Lo trasforma, lo trasfigura, rendendolo sfuggevole alla presa. Inganna gli occhi ed i sensi. Sulle sponde di questo mare chiuso è nata la civiltà, Leggende, storie, guerre, sangue e fuoco; tutto è successo qui, prima di succedere altrove. Un luogo così pieno di pathos,Read More →

Poesia di Marco Cavallero Voce di Graziella Brusa Illustrazioni di Domenico Laghezza NASCITA DELLA POESIA Se un giorno una lacrima Da una rosa è scesa a indorare Il tuo volto E’ perché nel regno millenario un dio senza misericordia Ti ha donato una Chimera Dopo aver vagato per secoli Ecco ti indica La strada mancata di un viaggio disatteso Il sogno di una notte L’istante in cui un angelo ha aperto l’ali Il volto esangue nel suo divenir taciturno Al crocevia Un poeta notturno veglia nei pelaghi del cielo Un altro toglie la maschera che cela Un altro poeta e un altro e un altroRead More →

fotografia dell'archivio di Rose Bazzoli

una poesia di Rose Bazzoli voce di Graziella Brusa   UBRIACO DI VITA   Quando dai la facciaal sole e la risatagorgoglia in golae la vita preme dentroe c’è l’ansia di viverlaanche a testa in giùa perpendicolo di un’ideabalzanae sei giovane e ti sentiimmortale. Ubriaco di vita. Chi è Rose Bazzoli? Classe 1952, è bresciana, ma ha soggiornato a lungo in varie città d’Italia e all’estero. Oltre agli studi classici, si è dedicata allo studio di diverse lingue straniere; l’inglese è tuttavia la lingua che l’ha vista maggiormente impegnata, anche professionalmente. Ha lavorato infatti come interprete per committenti americani, svedesi e tedeschi. Negli ultimi anniRead More →

Zingara

Poesia di Marco Cavallero Voce di Graziella Brusa Illustrazione di Domenico Laghezza HO BISOGNO DEL MATTINO Ho bisogno del mattino Quando l’alba si colora Del canto degli uccelli E l’aria rarefatta, Franta nel silenzio Dei giusti e degli ingiusti, Diffonde il loro verso melodioso In rime d’amore acute e intense La notte e il suo cantore Cedono il passo Alle ombre che si stemperano E tutto il giorno è là All’orizzonte, in attesa Di trasfigurarsi Nell’opera dell’esistenza Se ti è piaciuta, non esitare, condividila! Ascoltala su Spotify e Spreaker! Clicca sulla copertina per ascoltare HO BISOGNO DEL MATTINORead More →

Poesia scritta da Marco Cavallero Sei mai stato sorpreso In quell’ora del tramonto Quando la luce radente Infuoca il tuo viso E ombreggia la tua spalla La giornata è trascorsa E quanto più poteva Il sole ha dato La sua passione ardente. Ora di questo fuoco Langue una traccia rossa Che dall’orizzonte Illumina il cammino Quelli che hai amato La percorrono lentamente Per riposare Dentro la tua Anima.   Se vi piace questa poesia, CONDIVIDETELA, utilizzando i pulsanti qui sotto. GrazieRead More →